La storia in Breve

Nel XVII secolo Toamasina un piccolo villaggio di pescatori e allevatori installato che accoglieva pirati e le navi della compagnia francese delle Indie orientali.
All’inizio del XIX secolo, sotto l’egida del re Jean René, il primo porto di approvvigionamento delle isole Borbone e Mauritius fu costruito vicino all’attuale porto.
Quando Radama I divenne Re del Madagascar, intorno al 1810, una delle prime decisioni che prese fu quella di fare di Toamasina la principale finestra marittima del suo regno, a scapito di Majunga.
Toamasina è stato anche il luogo di diversi attacchi da parte della marina inglese e francese prima della colonizzazione. Nel 1895, una flotta francese guidata dal generale Bienaimé riesce finalmente a catturare il porto e la città.
L’amministrazione coloniale fece di “Tamatave” il capolinea della linea ferroviaria nord-orientale e il porto di spedizione delle materie prime per la metropoli. La città è cresciuta e modernizzata: i vecchi edifici in legno, spazzati da un terribile ciclone nel 1927, hanno lasciato il posto a edifici in stile coloniale. Toamasina é spesso colpita da cicloni nei mesi di gennaio e febbraio.

Cosa Vedere a Toamasina

Esplora Ivondro, un antico nascondiglio dei pirata risalente al 17 ° secolo e situato a soli 7 km dal centro della città! Oltre alle vestigia scoprirai anche diverse cascate. Nel centro della città, una breve visita al Museo del porto per apprendere di più sulla storia e lo sviluppo della città (costruzione del porto, personaggi famosi, oggetti d’epoca, ecc.). Per quanto riguarda il Museo dell’Università, puoi scoprire le specialità artigianali tipiche della regione.
Situato a 17 km dal porto, raggiungibile in barca troviamo l’isola delle Prugne (Nosy Ilaintsambo) per visitare il faro considerato il più alto dell’Africa (risalente al 1931) ma anche per un tuffo attorno alla barriera corallina circonda l’isola! Un luogo ideale per osservare anche diverse specie di pipistrelli della frutta.
Rinomato per le sue riserve forestali, il parco botanico e zoologico Ivoloina, situato a 11 km dal centro della città, ha un giardino botanico con una varietà di specie vegetali tipiche della costa orientale. Attualmente ci sono 13 specie di lemuri, tra cui l’Aye Aye, un lemure notturno endemico.
Da Toamasina possiamo anche visitare in barca a motore o in canoa, il Canal de Pangalanes. A ca. 4 ore di navigazione attraverso il Canal di Pangalanes, si arriva presso “Akanin’ny Nofy” (il nido da sogno), una riserva privata che riunisce diverse varietà di orchidee, piante carnivore, alberi del viaggiatore 9 specie di lemuri, incluso l’indri, che si potrete vedere in piena liberta e da molto vicino. Per quest’escursione consigliamo minimo 2 gg.
Di seguito i nostro tour che comprendo la zona di Taomasina.
Toamasina, è anche il luogo per chi si reca a Sainte Marie in barca (via Mahambo o via Soanierana Ivongo).

Copyright © 2015-2020 by Travelers of Madagascar.
All Rights Reserved.

Copyright © 2015-2020 by Travelers of Madagascar.
All Rights Reserved.

Copyright © 2015-2020 by Travelers of Madagascar.
All Rights Reserved.