1° giorno Antananarivo

I nostri servizi cominceranno con il transfert dall’aeroporto di Ivato al Vostro albergo per la prima sera. In base al Vostro orario di arrivo possiamo organizzare delle visite interessantissime intorno o nella capital.

2° giorno Antananarivo – Fort Dauphin (Taolagnaro) – (volo)

In mattinata, dopo a colazione, ci recheremo nuovamente in aeroporto per il volo interno verso Taolagnaro (Fort Dauphin). All’arrivo, faremo il check-in in albergo e ci prepareremo  per la visita della riserva di Nahampoana. La riserva di Nahampoana, situata a pochi km a nord dal capoluogo di Fort Dauphin, e’ una foresta lussureggiante composta da piante tropicali uniche, con un bellissimo sfondo montagnoso, casa di molte specie di lemuri tra cui i sifaka, il catta,il bamboo ed il “piccolo” microcebus (notturno). Al ritorno in citta’, spenderemo qualche ora sulla splendida spiaggia di Libanona. Da qui potremmo anche visitare il centro della citta’ di Fort Dauphin, la cittá tra mare e monti.

3° giorno Fort Dauphin – Lokaro – Fort Dauphin

Oggi visiteremo la splendida penisola di Lokaro, situate a circa 40 km nord di Fort Dauphin. Raggiungeremo  Sainte Luce su una piccola barca a motore. Questa zona se non è u paradiso terrestre, poco ci manca: splendide spiagge di sabbia finissima e bianca ;  isolotti rocciosi le cui ombre riflettono sulle acque turchesi poco profonde; foreste incontaminate costiere; colline lussureggianti; vie interne navigabili nascoste da piante tropicali; laghetti naturali circondati da palme…e delle viste davvero indimenticabili.

4° giorno Fort Dauphin – Parco Nazionale di Andohahela – Berenty

Oggi ci dirigiamo verso ovest sulla route nationale 13 per il Pacro Nazionale di Andohahela. Il parco si estende per 760 chilometri quadrati della catena montuosa Anosy, lo sperone più meridionale dell’altipiano malgascio. Queste montagne formano una barriera naturale per gli alisei umidi che soffiano da est. Infatti,  la pioggia sul versante orientale (di fronte al mare) supera i 2000 mm annui, dando cosi vita ad una delle poche foreste pluviali a sud del Tropico del Capricorno. Invce sulla parte occidentale del parco, la pioggia è solo di circa 600 a 700 mm. Grazie a questo piccolo micro-clima, nel giro di pochi chilometri, possiamo passare da foresta pluviale a una foresta spinosa secca, caratteristica del Madagascar meridionale. Nell’area tra queste due estremita’ climatiche troveremo la foresta “di transizione” di Ranopiso, dove potremo ammirare l’endemica palma triangolare Dypsis decaryi ed alcune speci di boababs. Il Parco Nazionale di Andohahela e’ “casa” per 12 specie di lemuri; 129 specie di uccelli, 69 specie di rettili e 49 specie di anfibi. Il nostro circuito, ci dara’ l’opportunita’ di incontrare alcune delle 12 specie di lemuri e molte alter piccolo creature locali ma soprattutto esploreremo il bellissimo ed unico mini-ecosistema formato da foresta pluviale e foresta spinosa secca. In tardo pomeriggio proseguiamo verso ovest per la riserva del Berenty. Il viaggio durera’ circa due ore, dunque si prevede  l’arrivo al calar del sole. Una piccolo rifrescata ed pronti per una piacevole passeggiata notturna nella riserva.

5° giorno Berenty / Lavanovo

In mattinata, faremo una visita guidata della riserva del Berenty. La maggior parte dei programmi televisivi sul Madagascar mostrano le “truppe” dei lemuri catta  passeggiando con la coda in aria ed il bianco sifaka che danza a destra e sinistra. Tutto cio’ viene filmato in questa riserva. La famiglia de Heaulme, proprietari della riserva, fondarono una piantagione di sisal nel 1936 accanto al fiume Mandrare in accordo con i clan locali della tribù Tandroy. La riserva del Berenty include una piccola foresta di antichi alberi di tamarindo  piantati “a galleria”  che formano una specie di baldacchino e, la surreale “foresta spinosa” del sud del Madagascar. Vi risiedono 6 specie di lemuri, la più grande colonia del sud del Madagascar pipistrelli della frutta, e 103 specie di uccelli, 56 dei quali nidificano nella riserva. I lemuri da queste parti sono molto amichevoli. Visiteremo anche il museo locale e la piantagione di sisal. Prima di mezzogiorno cominciamo nuovente il viggio verso ovest, con destinazione Lavanono, dove passeremo prossime due notti.

6° giorno Lavanono – Cape Sainte Marie – Lavanono

Dopo colazione ci dirigiamo verso est, per una breve (3 ore) visita alla riserva speciale di Cap Sainte Marie, la parte piu’ meridionale del Madagascar. Questo circuito sarà piacevole, vi farà scoprire un giardino botanico dove dei resti delle uova di dell’uccello gigante Aepyornis (una specie di struzzo di oltre 400 kg),  che viveva da queste parti circa mille anni fa. Anche la tipica foresta spinosa del sud, delle dune costiere, una grotta sotterranea e delle rocce sacre fano parte del programma. In questa reserva vivono all’incirca  3.000 tartarughe. Se in stagione, da agosto a novembre, potremmo anche ammirare le “parate” delle balene megattere. Dopo mezzogiorno, torneremo per Lavanono per spendere il resto della giornata in spiaggia.

7° giorno Lavanono – Itampolo

Oggi il viaggio verso Itampolo, direzione nord-ovest. Percorreremo delle strade tortuose di sabbia e rocce nella zona piu’ arida el paese. Il tragitto e’ di circa 8 ore, sara’ una giornata calda e dura ma il paesaggio unico con la sua flora ci riservera’ delle viste indimenticabili. Arriveremo ad Itampolo nel tardo pomeriggio. Itampolo, e’ un piccolo villaggio di pescatori con una spiaggia davvero eccezionale, dove spenderemo il poco che resta della giornata per ammirare il magnifico tramonto.

8° giorno Itampolo – Tsimanampetsotsa – Beheloka

Dopo la colazione continueremo il viaggio verso nord. Dopo circa due ore di viaggio giungiamo nello splendido parco Nazionale di Tsimanampetsotsa, un parco che attira piu’ scenziati che turisti, a causa della sua posizione un po lontano dalle “rotte” turistiche. Ci attendono grotte sacre , baobab antichi di oltre 1000 anni , Pachypodiums , alberi di banyan con pappagalli stupendi,  tartarughe, lemuri, e soprattutto,da aprile ad ottobre,  centinaia di fenicotteri rosa su un lago azzurrissimo e salato (saturo di sulfato). Piu’ del 75% della flora e della fauna del  parco di Tsimanampetsotsa sono endemiche della zona,  dunque in tutti I sensi un posto unico! Arriveremo a Beheloka nel primissimo pomeriggio e spenderemo la restante parte della giornate in questa magica spiaggia da sogno.

9/10/11° giorno Anakao

Partenza la mattina per raggiungere Anakao dove arriveremo dopo un’ora di strada. Anakao e’ il piu grande villaggio peschiero Vezo, con lunghissime spiagge bianche di sabbia finissima bagnate da mare azzurro cristallino. Anakao e’ un ottima base per visitare la vicina bellissima barriera corallina (extra a Vostro cario). Paseremo ad Anakao le prossime tre notti, dunque preparatevi a rilassarvi e divertirvi. Per il secondo abbiamo organizzato una visita a Nosy Ve, un isolotto al largo (4 km) di Anakao. Nosy Ve e’  un luogo sacro per il popolo Vezo, dove ogni anno i locali sacrificano zebù secondo rituali tradizionali. L’isola è sede  di un allevamento di fetonti dalla coda rossa, che attira ornitologi da tutto il mondo. Con eccellenti avvistamenti di questi uccelli, insieme a splendide spiagge bianche e snorkeling eccellente, questa visita isola sarà una parte idimenticabile del tour.

12/13° giorno Anakao – Toliara – Salary Bay

Partenza prevista per il mattino, in una barca motorizzata verso Toliara dove il tour dell’Estremo Sud del Madagascar termina e, comincia il nostro viaggio verso gli Tsingy di Bemaraha attraversando la costa Vezo. I viaggio verso la nostra prossima tappa durerà all’incirca 5 ore, includendo l’ora di navetta da Anakao a Toliara. Percorreremo una strada sabbiosa attraverso paesaggi da cartolina senza eguali. Faremo una breve visita alla riserva privata di Reniala. Si tratta di un ecosistema straordinario, bizzarro e unico che si trova solo nella parte sud-occidentale del Madagascar: la foresta spinosa. I cespugli spinosi torreggianti ospitano più di 2000 specie di piante (molte delle quali endemiche a livello locale), alcuni baobab spettacolari e molto millenari e una famiglia completa piante endemiche, il Didieraceae. Reniala comprende un percorso botanico e un santuario degli uccelli. Tra dune e strade tortuose, arriveremo a Salary Bay nel mezzo del pomeriggio. Il resto della giornata è libera. La Baia del Salary è un vero e proprio paradiso avendo una delle spiagge piú bianche bagnate dal piú bel mare turchese. Uno spettacolo di posto dove potrete spendere le prossime 2 notti.

14° giorno Salary Bay – Morombe

In mattinata dobbiamo purtroppo lasciare questo paradiso terrestre. La nostra prossima fermata è Morombe, un piccolo villaggio di pescatori, la capitale del popolo Vezo e il suo centro economico. Si trova a circa 350 km a nord di Toliara e la sua relativamente inaccessibilità lo fa per essere un paese raramente visitata dagli stranieri. Il tragitto durerà cuattro ore. Dovremmo arrivare dopo mezzogiorno, avrete tempo per rilassarvi a Morombe prima di una tappa molto dura.

15° giorno Morombe – Belo sur Mer

La giornata piú dura, dovremo percorrere 200 km che faremo in oltre 13/14 ore. A metà del viaggio, a Manja, ci fermeremo per una breve pausa prima di raggiungere Belo sur Mer. Viaggeremo tra le foreste spinose di Ifaty, ammireremo molti baobabs e saremo veramente lontano da tutto e tutti. Si prevede l’arrivo al calar del sole.

16° giorno Belo sur Mer – Parco Nazionale Kirindy Mitea – Belo sur Mer

Giornata intera dedicata alla visita del Parco Nazionale Kirindy Mitea, situato a pochi km dal nostro albergo. Il Kirindy Mitea è stato solo recentemente dichiarato parco nazionale (2006) e comprende una grandissima varietà di ecosistemi e vanta la maggiore densità di primati nel mondo. Grazie alla sua posizione, proprio nel punto in cui i biotopi occidentali e meridionali convergono, i visitatori possono esplorare una foresta tropicale, una foresta decidua, una foresta secca (la più grande dell’isola) ed una foresta spinosa litorale con mangrovie costiere, dune erbose, laghi naturali, splendide spiagge e non distante delle stupende barriere coralline. Il tutto, in un solo giorno.

17° giorno Belo sur Mer – Riserva Privata del Kirindy

Oggi si continua verso nord, ci attendono 4 ore di “strada” molto dura. Dopo circa 3 ore di strada passeremo per il famoso Viale dei Baobabs. Si tratta di una serie di incredibili baobab giganti alti oltre i 30 metri, allineati lungo la strada che porta a Belo sur Tsiribihina. Una 30 di km dopo, arriveremo a destinazione, nella riserve Privata del Kirindy. Il tempo di una breve pausa, per prepararci ad una visita notturna di questa straordinaria riserva. La riserva comprende una dei più importanti e minacciati habitat naturali in Madagascar: la foresta decidua secca, la cui estensione è stata ridotta al 3 per cento della loro estensione originale. Dominato da maestosi alberi di baobab  quest’area protetta di raggiunge approssimativamente i 100 chilometri quadrati. Kirindy è il posto migliore in tutta l’isola per osservare i fossa, specialmente durante il periodo degli amori tra ottobre e dicembre. È anche sede di sette specie di lemuri. I più comuni sono i lemuri marrone comune e sifaka del Verreaux.

18° Riserva Privata del Kirindy – Bekopaka

In mattinata presto, cominciamo il nostro lungo viaggio verso Bekopaka, la nostra prossima tappa. Dopo circa due ore di viaggio, ci troviamo di fronte al fiume Tsiribihina. Di qui grazie ad una chiatta ci dirigeremo e Belo sur Tsiribihina. A Belo, potremmo fermarci per pranzo prima di cominciare l’ultimo tratto di strada tortuosa, lungo pianure aride dove trapelano pochi cespugli, palme e baobabs. Arrivati sulle sponde fiume Manabolo, ci attende una barca che ci porterà alla nostra prossima destinazione: Bekopaka. Dovremmo arrivare prima del calar del sole, dovessimo arrivare prima faremo una breve visita del “piccolo” parco degli Tsingy.

19° giorno Tsingy de Bemaraha

In mattinata, dopo la colazione,  visiteremo gli Tsingy de Bemaraha – un parco nazionale elencato nella lista UNESCO come patrimonio naturale mondiale, composto da roccia tagliente e di calcare, scanalata e laminata  alta fino a 50 m. Durante l’escursione  troveremo diverse specie di animali e piante endemici del Madagascar. Avete visto che arrivare si qui non è facile (10 ore da Morondava e 4 da Belo sur Tsiribihina) ma ciò rende la visita ancor più interessante ed unica. Si tratta di una foresta di pietre, un labirinto quasi impenetrabile di calcare se non fosse per i sentiere construiti per raggiungere le parti piú interessanti del parco. I canyon della riserva, le gole, le foreste indisturbate, i laghi e le paludi di mangrovie mostrano una ricchezza sorprendente di fauna e flora che non sono stati completamente registrati. Il nord del parco è quasi interamente inesplorato. La visita del parco dura ca. 4 ore, dopo la quale torneremo in albergo dove per trascorrere il resto della giornata in piscina ed ammirare il panorama circostante.

20° giorno Bekopaka – Morondava

La nostra prossima tappa dista ca. 8 ore di macchina, Morondava. Nuovamente potremmo fermarci a Belo sur Tsiribihina per un pranzo veloce oppure continuiamo diritti verso Morondava. Si prevede l’arrivo per il tardo pomeriggio ed avremo comunque tempo per visitare una piccola riserva per animali nel nostro albergo. Attenti ai vostri oggetti, i lemuri qui sono molto “svegli”.

21° giorno Morondava – Antsirabe

500 km ci separano dalla nostra prossima tappa, circa 6.5 ore di ottima strada (soprattutto in confronto alle giornate precedenti). Dal livello del mare arriveremo a circa 1500 mt. Durante il viaggio noterete il tipico paesaggio brullo che contraddistingue il centro-ovest del paese. A metà strada arriveremo a Miandrivazo, il questa zona il termometro tocca spesso i 40 gradi. Da Miandrivazo in poi comincia il sali-scendi tipico delgi altopiani centrali. A circa 20 km di Antsirabe prendiamo una piccola strada secondaria che ci porterà dritti verso una dei posti piu fotogenici del Madagascar, il famoso lago sacro Tritriva. Si tratta di un vulcano che raggiunge i 1900 metri quindi, dall’alto potrete osservare anche una magnifico panorama della campagna circostante, in giornate chiare potrete anche ammirare Antsirabe (20km). L’arrivo è previsto per il tardo pomeriggio.

22° giorno Antsirabe – Antananarivo

In mattinata, visiteremo questa piacevole città. Antsirabe è la terza città più grande in Madagascar e grazie alla sua alta quota (circa 1 500 m) le temperature sono piuttosto fresche in inverno! Il clima era probabilmente la ragione per cui i missionari norvegesi hanno scelto questo luogo per stabilirsi nel 1872. Il suo nome significa “dove c’è molto sale” e per il suo gran numero di sorgenti calde la città ha il soprannome di “Vichy malgascia”. Su dei riscio dunque visiteremo il mercato principale, i mercatini di pietre semi-preziose e alcuni artigiani locali (seta e lavorazione delle corna di zebu). Dopo il pranzo, cominceremo l’ultimo tratto di strada che ci separa dalla capitale. Dopo circa 1.5 ore, arriveremo ad Ambatolampy, dove visiteremo una fonderia di untensili da cucina, qui il tempo si è veramente fermato agli inizi del secolo. Durante il viaggio noterete le case tipiche degli altopiani, migliaia di risaie e qualche albero piantato qua e là. Dita incrociate che non si incontri traffico all’entrata della capitale! A volte ci si impiega ore solo per fare alcuni km.

23° giorno Antananarivo

L’ultimo giorno di vacanza in Madagascar verrà organizzato in base all’orario di partenza, comunque sia la capitale offre moltissime opportunità interessanti. I nostri servizi terminano con il transfert all’aeroporto di Antananarivo.

 

Prenota!

 

top
Incluso
  • Vettura 4×4 con conduttore locale (francese, inglese) Da Fort Dauphin ad antananarivo.
  • Sistemazione in alberghi di categoria turistica con prima colazione
  • Le entrate nei parchi nazionali e le riserve con guide esperte del posto di lingua francese o inglese.
  • Tutte le  escursioni menzionati
  • Navetta Anakao Toulear
  • I trasferimenti da e verso gli aeroporti

Non Incluso
  • Le bibite
  • Tutti i voli, sia nazionali che internazionali
  • Tutto ciò non menzionato

top
close
Informazioni utili
Volo interno:
Il volo per Fort Dauphin dalla capitale del Madagascar, costa all’incirca €220 pp (Dic 2016).
Viaggio in auto:
In Madagascar le strade sono in condizioni pessime e le distanze tra le principali attrazioni turistiche sono alte. Durante questo tour, percorrerete una distanza di circa 1700 km di “strada” sterrata/secondaria (terra, sabbia e rocce) tra Fort Dauphin ed Bekopaka. Da Morondava ad Antananarivo (700km), la strada è quasi in ottime condizioni. Di seguito le  tappe da percorrere:
Fort Dauphin – Parco Andohahela 1 ora | Parco Andohahela – Riserva del Berenty 3 ore | Riserva Berenty – Lavanono 4 ore | Lavanono – Itampolo 7/8 ore | Itampolo – Beheloka 2 ore | Beheloca – Anakao 1.5 ore |  Toliara – Salary  4 ore | Salary – Morombe 4 ore | Morombe – Belo sur Mer 12/13 ore | Belo sur Mer – Riserva del Kirindy 4 ore | Riserva del Kirindy – Bekopaka 6 ore | Bekopaka – Morondava 7 ore | Morondava – Antsirabe 7 ore | Antsirabe – Antananarivo 4 ore |
Prenota!
top
DURATA DEL TOUR
23 giorni
COSTO PP IN CAMERA DOPPIA / TWIN
A partire da €2250 pp
23 giorni a partire da €2850 pp in camera twin o doppia. Sulla base di 3 persone €2250 per 2 camere, con supplemento singola €350. Sulla base di 4 persone, 2 camere, €2100 pp. Supplemento mezza pensione €300 pp Supplemento pensione completa €450
Miglior periodo
Giugno - Novembre
Un viaggio lungo che potrebbe essere modificato in base alla stagione. Il tratto di strada Morombe - Belo sur Mer si puo' affettuare soltanto fino ad inizio Novembre. La strada che va da Morondava per gli Tsingy de Bemaraha, e percorribile fino agli inizi di dicembre. Da Aprile fino a Giugno, potremmo risalire da Toulear ad Antananarivo, lungo la 7.
DISTANZA DA PERCORRERE IN AUTO
2500 km
Il tour piú duro, tantissimi km in strade sterrate e soprattutto molte ore di macchina (ca. 70) per raggiungere le zone piú isolate del Madagascar.
Livello di fitness necessario